La telemedicina in campo contro il Coronavirus

LUGANO – L’emergenza è sotto gli occhi di tutti, e mentre l’epidemia provocata dal virus SARS-CoV-2 si diffonde il tutto il mondo mettendo a dura prova la tenuta dei più efficienti sistemi sanitari, appare sempre più chiara e pressante l’urgenza di attivare programmi di sorveglianza domiciliare delle persone ammalate che manifestano sintomi lievi, con il duplice obiettivo di alleggerire la pressione sugli ospedali e di impedire che proprio gli ospedali diventino luoghi di accelerazione incontrollata del contagio, come purtroppo è avvenuto e avviene in alcune realtà del Nord Italia.

La prima buona notizia è che oggi esistono le tecnologie per avviare programmi di questo tipo, la seconda buona notizia è che il Ticino è all’avanguardia in questo settore, grazie soprattutto alle competenze maturate dalla piattaforma HospitHome, una giovane start-up specializzata in sistemi di telemedicina, che insieme con il Cardiocentro Ticino ha messo a punto un programma dedicato all’emergenza Covid-19 ottenendo la collaborazione di alcune tra le principali realtà della sanità ticinese. Federazione ticinese ambulanze (144), Fondazione Ticino Cuore

Articolo Completo su liberatv.ch

Torna su